06 gennaio 2006

la befana trullalà

(gianni morandi quando era un giovane e scapestratissimo teddy boy)

i veri artisti parlano di tutto. il repertorio dei veri artisti copre lo scibile umano e non esclude nulla. a chi pensiamo? a dante, a joyce, a guccini, al quartetto cetra e a gianni morandi.
gianni morandi, uno degli idoli omfaloscopici per eccellenza, il supergiovane, lo scapestrato dei nostri cuori, il vero, il solo artista maledetto. ecco la sua lirica sulla befana trullalà. provate a procurarvi il vinile nei negozietti di dischi usati suonatelo all'incontrario fumandovi il muschio del presepe ed esplorate tutti i meandri della vera trasgressione.


Trullala' Trullala' Trullala'.
La Befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte,
con la calza appesa al collo,
col carbone,
col ferro e l'ottone.
Sulla scopa per volare.
Lei viene dal mare.
Lei viene dal mare.
E la neve scendera'
sui deserti del Maragia',
dall'Alaska al Canada'.
E partire lei dovra'
e cantando partira'
da ciociara si vestira',
con il sacco arrivera',
la bufera vincera'.
E cantando trullala',
la Befana arrivera'.
Trulalla' Trullala' Trullala'.
Un bambino,
grande come un topolino,
si è infilato nel camino,
per guardarla da vicino.
Quando arriva la Befana
senza denti salta, balla, beve il vino.
Poi di nascosto s' allontana
con la notte appiccicata alla sottana.
E un vento caldo soffiera'
sui deserti del Maragia',
dall'Alaska al Canada'.
Solo una stella brillera'
e seguirla lei dovra',
per volare verso il nord
e la strada è lunga
ma la bufera vincera'.
E cantando Trullala',
la Befana se ne va.
E cantando Trullala'
Truallalero Trullala'
Trullala' Trullala' Trullala'

5 commenti:

gianni rodari ha detto...

Mi hanno detto, cara Befana,
che tu riempi la calza di lana,
che tutti i bimbi, se stanno buoni,
da te ricevono ricchi doni.
Io buono sono sempre stato
ma un dono mai me l'hai portato.
Anche quest'anno nel calendario
tu passi proprio in perfetto orario,
ma ho paura, poveretto,
che tu viaggi in treno diretto:
un treno che salta tante stazioni
dove ci sono bimbi buoni.
Io questa lettera ti ho mandato
per farti prendere l'accelerato!
O cara Befana, prendi un trenino
che fermi a casa d'ogni bambino,
che fermi alle case dei poveretti
con tanti doni e tanti confetti.

featheryca ha detto...

l'effetto dei funghi allucinogeni assunti da morandi è evidente nei versi "da ciociara si vestirà"
e "dall'alaska al canada".
non è che faccia tutta questa strada, dall'alaska al canada. da noi non ci passa proprio. a meno che non parta dall'alaska e arrivi in canada procedendo verso ovest.

Compagno di merende ha detto...

Povero Gianni...è un grande!!!

featheryca ha detto...

a guardare questa foto è palese che sergio rubini è cognat'a gianni morandi.

omfaloscopica della Garfagnana ha detto...

Viene viene la Befana,
vien dai monti a notte fonda,
come è stanca, la circonda
neve e gelo e tramontana,
viene viene la Befana.

Ha le mani al petto in croce
e la neve è il suo mantello,
e il gelo il suo pannello,
ed il vento la sua voce,
ha le mani al petto in croce.

E s'accosta piano piano
alla villa, al casolare,
a guardare ad ascoltare
or più presto, or più lontano,
piano piano piano piano.

Tocca a lei signora sposa
metter mano ai cassettini,
o confetti o biscottini,
purchè a noi ci dia qualcosa,
tocca a lei signora sposa.

Se ce la volete dare,
non ci fate più aspettare,
i compagni sono avanti,
ce la potrebbero rubare,
se ce la volete dare.

Vi ringrazia la Befana,
che l'avete favorita,
Dio vi lasci lunga vita,
buona gente state sana,
vi ringrazia la Befana.