22 novembre 2005

saludos, compañero!

ieri, per la prima volta nella nostra breve storia omfaloscopica, abbiamo ricevuto una visita da Cuba.

vorremmo ringraziare a modo nostro l'anonimo cliccatore e invitarlo a tornare a trovarci ogni volta che vuole. gli ricordiamo, comunque che noi staremo sempre con lui
e raramente con il Fidel attuale.

a questo punto potrei citare Carlos Puebla, con la sua mitica Comandante Che Guevara, la traduzione fatta da Biermann , l'Aparecido di Victor Jara, Hombre di Silvio Rodriguez, Si el poeta eres tu di Pablo Milanes, Cohiba di Daniele Silvestri, le due-canzoni-due che Guccini ha dedicato al Che. ma non voglio. preferisco salutare il nostro amico con la canzone simbolo di Cuba, non per nulla scritta dal poeta-rivoluzionario José Martí (e tradotta pure questa magistralmente da quel rompicoglioni di Biermann, tiè!)

Yo soy un hombre sincero
De donde crece la palma,
Y antes de morirme quiero
Echar mis versos del alma.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera

Mi verso es de un verde claro
Y de un carmin encendido
Mi verso es un ciervo herido
Que busca en el monte amparo.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera

Cultivo una rosa blanca,
En Julio como en Enero,
Para el amigo sincero
Que me da su mano franca.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera

Y para el cruel que me arranca
El corazón con que vivo,
Cardo ni urtiga cultivo:
Cultivo la rosa blanca.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera

Yo sé de un pesar profundo
Entre las penas sin nombres:
La esclavidad de los hombres
Es la gran pena del mundo!

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera

Con los pobres de la tierra
Quiero yo mi suerte echar.
Con los pobres de la tierra
Quiero yo mi suerte echar,
El arroyo de la sierra
Me complace más que el mar.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera.

15 commenti:

featheryca ha detto...

proprio ora parlavo con mia zia delle dichiarazioni di ieri di berlusconi sulla sinistra illiberale e i simboli del terrorismo sulle bandiere. i sondaggi danno prodi avanti di quasi dieci ormai e berlusconi cerca di appigliarsi a qualsiasi cosa pur di recuperare terreno. qualche giorno fa aveva detto che gli elettori di destra sono più belli di quelli di sinistra. fra un po' dirà che è stato veltroni a sparare a jr e a uccidere laura palmer. mi rivolgo ai nostri lettori di destra, se ne abbiamo: ma non pensate di meritare una destra migliore di questa? o per lo meno, non pensate di non meritare di essere trattati come dei bambini ritardati? siamo un paese ritardato. la gente di 35 anni viene considerata "giovane" e quindi non è poi questa grande tragedia se non ha un lavoro fisso, se non si può permettere di fare un mutuo e un figlio. campa cavallo. un ritornello classico degli elettori di sinistra, affetti da autocritica cronica, è: sì certo, ma neanche questa sinistra è un granché. basta! facciamo un fioretto, non diciamolo più. questa sinistra mi va bene al prossimo governo. qualsiasi cosa mi va bene al prossimo governo. qualsiasi cosa che non sia oscena e assurda come berlusconi. il meglio è nemico del bene, e intanto lascia che il peggio la faccia da padrone. sempre meglio un governo così così che un governo pessimo. e facciamo anche un'opera pia. adottiamo un elettore di destra e da qui ad aprile cerchiamo di farlo uscire dal tunnel. dai, che stavolta ce la facciamo.

featheryca ha detto...

un dubbio che mi ha sempre assillato. ma se ernesto che guevara somigliava a carlo delle piane ci finiva sopra tutte quelle bandire e magliette?

chi(guev)ara ha detto...

secondo mio padre, fine esegeta della cultura socialista, sicuramente no. secondo lui, inoltre, la foto di Korda era bella, ma troppo accigliata. basta magliette col che triste (la famosa foto è stata scattata in occasione di un funerale)! la rivoluzione va fatta col sorriso sulle labbra, per questo ho scelto questo quadrittico allegro.

a guardarlo bene, era addirittura più bello di llc e veron messi insieme.

Anonimo ha detto...

Cara featheryca
sono completamente d’accondo su ogni tua parola. Per me ci sarebbe finito anche se somigliava a uno dei fratelli marx o a Benigni (è solo un’opinione).
Però non posso trattenere la mia vena polemica e perciò

1) La rivoluzione cubana non era in gran parte comunista, compreso Fidel. Ernesto e compagni erano una minoranza. Il fine era l’abbatimento di un regime corrotto che aveva svenduto le risorse cubane alle Multinazionali americane. Castro divenne comunista e impiantò una dittatura a causa della polica americana e per reggersi andò a cercare l’alleanza con l’URRSS e nuovi mercati per i prodotti cubani. Mentre, in quegli anni, tutto il resto dell’America latina era in mano a dittature feroci, sanguinarie e fasciste (Cile, Argentina) con interi popoli analfabeti che morivano di fame, a Cuba c’erano ricchezza, il migliore sistemi ospedaliero del mondo e una scuola di primissimo ordine. Il crollo del sistema istaurato dal Patto di Varsavia ha sclerotizzato la situazione. Con questo non giustifica un dittatore. Io sono erede di quei partigiani che col fazzoletto rosso combatterono per la libertà contro il nazi-fascismo e milito in una sinistra che tolte alcune cadute ha sempre difeso la democrazia in Italia.

2) Domanda. perché quando queste sparate pro sinistra le fabulo io mi date subito addosso? Lo so sono un intruso, non è ancora chiaro quale sia il mio sesso, non ho mai conosciuto ne ho mai visto Locascio se non al cinema e in un libro con le foto di scena della "Meglio Giuventù”, sono (terribileeee) juventino, però qualche pregio da qualche parte l’avrò pure io

il malefico anonimo

featheryca ha detto...

caro anonimo,

noi non ci sognamo minimamente di darti addosso. quando hai difeso veltroni da una nostra bonaria presa in giro ti abbiamo detto che eravamo d'accordo con te, che veltroni è in gamba e che dovrebbe essere lui il prossimo presidente del consiglio.
mi dispiace deluderti ma non ce l'abbiamo con te. nonostante la tua pervicace convinzione noi continuiamo a non avercela con te.
l'unica volta che c'è stato un accenno di discussione era perché tu dicevi che ci eravamo offese quando invece non c'eravamo offese affatto. siccome queste cose creano grovigli assurdi che non ha senso nemmeno sbrogliare sciogliamo questo nodo gordiano e stabiliamo questo punto fermo. se ce l'abbiamo con qualcuno io e chiara di solito non ci giriamo attorno, sul web e nella vita: lo diciamo e basta. non vedo proprio tu cosa puoi averci fatto di male. per quanto riguarda la questione "intruso" c'è un sacco di gente che scrive commenti su questo blog di cui non sappiamo nulla, neanche il sesso. solo tre o quattro sono amici nostri.
peace and love a chi conosciamo e a chi non conosciamo, maschi, femmine e donne borghezie.

Anonimo ha detto...

isomma non se po fa un pochito de polemica. cara fea guarda che io ho sempre scherzato. Tutto quello che scrivo ha sempre dietro un sorriso. E poi sta a vedere che faccio l’arrabbiato con due sinistrose.
Un saluto affettuoso da un anonimo meno malefico

elpueblounido ha detto...

Perché scusa, io non mi merito una sinistra migliore??? I sindacati mi hanno tagliato lo sciopero di venerdì, e per la scuola si è ridotto alla prima ora. E IO CHE AVEVO PRESO L'APPUNTAMENTO DAL PARRUCCHIERE. Non ci sono più gli scioperi di una volta

Anonimo ha detto...

La scuola ha ridotto a un’ora lo sciopero per i trenta denari (netti 700 euro l’anno) con cui i baluba che ci governano vi hanno comprato. Insegnanti brutta razza.
Domanda ma se quei soldi li investivano per coprire a tempo indeterminato le trentamila cattedre scoperte non era meglio?

featheryca ha detto...

certo che ce la meritiamo una sinistra migliore. dicevo solo che non dobbiamo aspettare che sia perfetta per mandarla al governo sennò moriamo di vecchiaia e forzaitalioti. mandiamola al governo e poi mandiamola in palestra a rimettersi un po' in forma è a perdere chili di troppo (mastellismo, rutellismo...).
no, non ci sono più gli scioperi di una volta. e non torneranno più le merendine di quando ero bambina. non torneranno più.

chi(guev)ara ha detto...

e le mezze stagioni dove sono finite? e perché il parquet è bello ma si riga? eh, una volta qui era tutta campagna...

ARIDATECE BERLINGUER!!!!!!!
(Enrico, che avete capito?)

Laura Luca, tutto Luca e niente Laura ha detto...

Ma perché, le donne borghezie di che sesso sono?
No, visto il post polemico, polemizzo anch'io... però dopo accetto il panforte!!!
(... e anche i panforti non sono più quelli di una volta: ora quando ci si gioca a battimuro, il "mi cugino" grossetano dice che si spaccano subito... e meno male che a Empoli hanno il calcio, sennò chissà cosa si inventavano pure loro: forse giocare a birilli con le passate in bottiglia Coppe lanciandoci contro meloni Coppe nei corridoi della Supercoppe, al suono della ricostruzione di una mandola tardo '500, naturalmente marca Coppe, suonata dal commesso-filologo musicale di turno?)

noncelodoropiu ha detto...

CIAO ragazze


mi devo aggiornare un casino, come siete andanti avanti!!


Un caro slt

featheryca ha detto...

sì, studia cielito che poi t'interroghiamo la prossima volta che ci vediamo. a proposito: quand'è che ci vediamo?

sfasata ha detto...

care feather e croft,

il punto è che l'età avanza e con essa i miei problemucci alla cervicale, fatto sta che devo fare delle pause, tante pause, e starmene lontana dal piccì

Sarebbe bello riuscire ad incontrarsi per il solo e puro gusto dello stare insieme... insomma per il cazzeggio!!! lontane dalle note manifestazioni istituzionali così deprimeeeeeeeenti

hasta luego!

sfasy

featheryca ha detto...

quando vuoi, sfasy, facci un fischio e magari riusciamo a organizzare un weekend a metà strada. mi sa che metà strada, tanto per cambiare, è la toscana.