10 aprile 2006

w l'internazionale socialista e nerazzurra

è meglio essere ottimisti e avere torto
che pessimisti e avere ragione
Albert Einstein

(indovinate chi è quella sulla destra, col Capoccia in braccio?)

pertanto:

Compagni, avanti!
Il gran Partito noi siamo dei lavorator.
Rosso un fiore in noi è fiorito
una fede ci è nata in cuor.

Noi non siamo più nell’officina,
entro terra, pei campi, sul mar,
la plebe sempre all’opra china
senza ideale in cui sperar.

Su lottiam!
L’Ideale nostro alfine sarà,
l’Internazionale, futura umanità!
Un gran stendardo al sol fiammante
innanzi a noi glorioso va,
noi vogliamo per esso giù infrante
le catene alla libertà!

Che giustizia venga, noi vogliamo
non più servi, non più signor!
Fratelli tutti esser vogliamo
nella famiglia del lavor.

Su lottiam
l’ Ideale nostro alfine sarà,
l’Internazionale, futura umanità.

ora la prima cosa da fare è instaurare una bella dittatura e far vincere almeno 20 scudetti di fila all'unica squadra di calcio che può permettersi questa canzone come inno, tiè!

e voi, cari viaggiatori omfaloscopici, cosa vorreste che facesse subito il nuovo governo? dite cose di sinistra, please. e non litighiamo, almeno oggi.

2 commenti:

Flores ha detto...

Non ci crederai ma ieri mi stavo giusto chiedendo dove trovare il testo dell'Internazionale in italiano...ti amo CJ!!!!

chiara jolenin ha detto...

grazie tesoro, tu non ci sei non perché non meriti, ma perché non avevo tue foto a disposizione. diciamo che sei in seconda fila, ma, come sempre, fai un gran casino e ti si sente lo stesso!!!